Dopo 9 anni aprono il regalo di nozze della prozia: ecco quello che conteneva… Pazzesco!

La vicenda che di seguito vi raccontiamo è molto interessante e significativa, ed ha almeno due morali molto importanti. Si tratta di un fatto accaduto realmente, che fa davvero molto riflettere.

Per nove lunghi anni una coppia sposata non aveva mai scartato uno dei regali di nozze. Kathy Gunn ha raccontato ai media la storia di un regalo semplice ma molto importante fatto a lei e al marito in occasione del matrimonio avvenuto anni fa. La prozia di lei conferì loro una scatola bianca, con sopra scritto: “aprire alla prima discussione”. La coppia però, molto empatica e in sintonia, non aveva avuto mai una discussione per ben 9 anni, e dopo la prima lite, si sono ricordati di quel pacchetto, e per tale motivo si sono decisi ad aprirlo.

Dentro la scatola cosa c’era? Vi si trovavano due biglietti, con all’interno dei soldi, due bicchieri per il vino, dei sali da bagno e un vaso. Il biglietto rivolto a Kathy suggeriva di andare a comprare una pizza e di preparare un bagno, mentre il biglietto rivolto a Brandon suggeriva di comprare di comprare fiori e vino.

Praticamente, lo scopo del regalo era di far comprendere alla coppia che la forza per andare avanti la si trova nei piccoli gesti come anche nelle attenzioni reciproche. Questo regalo è diventato molto virale su internet, in quanto ha rappresentato per Kathy un gesto decisamente bello, degno di essere portato alle attenzioni dei media, raccontanto a tutti il contenuto e il significato del regalo di nozze così tanto prezioso.

Come detto all’inizio, questa vicenda conserva due morali molto importanti: la prima è che sono i piccoli gesti a rendere speciale una relazione amorosa, la seconda è che spesso anche un regalo poco costoso può essere molto importante, non tanto per il valore materiale, quanto per il significato che tale regalo manifesta.

Be the first to comment on "Dopo 9 anni aprono il regalo di nozze della prozia: ecco quello che conteneva… Pazzesco!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.