“Trovate la mia fede e dite a mia moglie che sono vivo” le prime parole di uno dei sopravvissuti del Chapecoense

Il difensore del Chapecoense Alan Ruschel, è uno dei cinque sopravvissuti della tragedia del aereo che trasportava la squadra di calcio di Medellin. “Trovate il mio anello e dite a mia moglie che sono vivo”. Queste le prime parole del 27enne.

Alan ha fatto una toccante richiesta al personale ospedaliero prima di entrare in sala operatoria: ha chiesto solo di custodire bene la sua fede nuziale.

Amanda, moglie dell’atleta, ha comunicato tramite il suo account sul social network Instagram che lo stato di salute di Alan è “stabile”: “Grazie a Dio Alan è in ospedale, condizioni stabili. Stiamo pregando per tutti coloro che non sono ancora stati salvati, e la forza di tutti i membri della famiglia. La situazione è complicata e difficile. Solo Dio ci può dare la forza. Grazie, Dio. “

schermata-2016-11-29-alle-17-06-06

Be the first to comment on "“Trovate la mia fede e dite a mia moglie che sono vivo” le prime parole di uno dei sopravvissuti del Chapecoense"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.