Come uomo, l’aborto mi ha ferito

Testimonianza post-aborto di Michel Hermenjat

In passato ero favorevole all’aborto, ma ho cambiato idea. Mia moglie ed io abbiamo fatto ricorso all’aborto, circa vent’anni fa, pensando di risolvere una situazione e di fare la scelta giusta. Molti ci hanno incoraggiati, ma le conseguenze fisiche e psicologiche furono molto grandi. Tutta la nostra vita di coppia ed anche la relazione con i nostri figli nati vivi, sono stato sconvolte dall’aborto.

Avevamo pensato che la nostra vita sarebbe continuata come prima, ma ci sbagliavamo. Restava una traccia, come un’assenza. Abbiamo avuto bisogno di molto tempo, prima di poterne parlare in coppia e poi con i nostri figli. Da cinque anni abbiamo deciso di parlarne con altri e spesso incrociamo la strada di coppie che condividono con noi la loro sofferenza, per aver fatto ricorso all’aborto.

Spesso oggi si tende a minimizzare le conseguenze psicologiche derivanti da un aborto. Ed è anche vero che vent’anni fa nessuno ci ha proposto un’alternativa. Come uomo, l’aborto mi ha ferito. È il mio più grande fallimento: ho accettato la peggiore delle soluzioni. E soprattutto, non ho realizzato l’angoscia della mia compagna. Però, ho avuto anche il sentimento di essere stato tradito. Mi avevano assicurato che l’aborto avrebbe risolto un problema momentaneo. Invece è stato proprio l’opposto. La vera felicità per un padre è imparare a dare la sua vita per i suo figli. È una trappola per un uomo pensare che può sganciarsi dalla sua responsabilità o può disporre impunemente di un diritto sulla vita dei suoi figli.

Oggi testimonio per evitare che altri vivano tutto questo dolore. È molto difficile per un padre fare il lutto di un bambino abortito. Ma nella mia esperienza la Grazia chiesta e ricevuta da Dio, ha guarito la mia famiglia e le ha dato sicurezza e speranza.

Be the first to comment on "Come uomo, l’aborto mi ha ferito"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.